CON LA FLIPPED CLASSROOM LO STUDIO È TECNOLOGICO…

CON LA FLIPPED CLASSROOM  LO STUDIO È TECNOLOGICO…

Nell’I. C. Parisi-De Sanctis è stata sperimentata la metodologia della FLIPPED CLASSROOM, ossia della classe capovolta.  Questo nuovo metodo consiste nel capovolgere le fasi dello studio: a casa si guarda la lezione e a scuola si fanno i compiti.  Intervistando i ragazzi della secondaria di 1^grado abbiamo scoperto che tutto è iniziato dal progetto “Smart Future” avviato l’anno scorso.  Esso si svolse in una classe attrezzata di tablet. A  partire da quel progetto alunni e docenti hanno creato insieme una cloud-learning,una classe virtuale cheflipped-classroom-alla-parisi-de-sanctis dà loro la possibilità di scambiarsi materiali (come documenti word,video,power-point…) A giovarne sono soprattutto gli alunni che possono connettersi alla lezione quante volte vogliono e ovunque si trovino! Gli studenti coinvolti nella sperimentazione riferiscono che questo metodo riesce a rendere più semplici e piacevoli anche argomenti più pesanti. Invece gli insegnanti  apprezzano il fatto di poter seguire gli alunni in classe durante lo svolgimento dei compiti, momento complesso e spesso vissuto con  difficoltà dagli studenti. Chissà se nel futuro la scuola sarà veramente così! Eppure in un racconto del 1951 dal titolo “Chissà come si divertivano”, lo scrittore Isaac Asimov  aveva immaginato che gli studenti del futuro sentiranno la mancanza del passato. Margie, la giovane protagonista che vive nel 2157  non va a scuola perchè ha un robot come insegnante privato, studia con i telelibri e non ha compagni con cui interagire. Noi pensiamo che la scuola del futuro sarà dotata di nuove tecnologie che ottimizzeranno il nostro lavoro, ma questo lato positivo non riuscirà mai a nascondere l’evidente lato negativo: la mancanza dell’intelligenza emotiva. Essa è il ricordarsi degli argomenti scolastici attraverso l’emozione provata durante la spiegazione, creata da un essere umano chiamato “guida” o , più comunemente “professore”.

 

Giada Panunzio e Giulia Trisciuoglio

Classe 3^C – I.C. Parisi De-Sanctis

Annunci

2 Comments

  1. buongiorno, sono una studentessa dell’università di Genova e sto preparando la tesi magistrale in economia sull’argomento “tecnologie scolastiche e apprendimento”. Avrei bisogno di sapere se disponete di ricerche o pubblicazioni su questo tema: si può osservare un miglioramento nell’apprendimento e nella creatività degli studenti a seguito della presenza delle nuove tecnologie a sostegno della didattica, rispetto all’utilizzo di metodologie didattiche tradizionali?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...